La Belluno che vorrei 2017-18: i progetti - Tada Lab
22735
post-template-default,single,single-post,postid-22735,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

La Belluno che vorrei 2017-18: i progetti

Anche quest’anno abbiamo lavorato con bambini e ragazzi di diverse scuole del Comune per La Belluno dei Bambini. Abbiamo continuato a pensare alla ‘Belluno che vorrei’, la Belluno a misura di bambino, concentrandoci su 3 diversi aspetti: le piazze della città, il museo e alcuni luoghi importanti che abbiamo voluto trasformare in posti un po’ magici con le leggende inventate dalle classi. In questo post vogliamo raccontarvi quello che abbiamo realizzato quest’anno e tutti i materiali che potete trovare e scaricare per conoscere meglio la nostra città.

Belluno a misura di bambino

L’idea della Belluno de’La Belluno che vorrei‘ è iniziata nel 2015. Pensando a quali proposte fare per La Belluno dei Bambini abbiamo deciso di voler lavorare sulla nostra città, sulla sua storia, la sua arte, ma anche i suoi spazi e le sue funzioni.

Abbiamo deciso provare a fare una progettazione condivisa con i bambini, rendendoli partecipi e protagonisti. Volevamo provare ad avere uno sguardo diverso su Belluno, per capire quali risorse e ricchezze ha la nostra città, ma anche su quali aspetti potrebbe migliorare.

Abbiamo scelto di lavorare su progetti complessi che hanno richiesto un importante lavoro anche da parte delle classi (insegnanti che ci state leggendo e che avete collaborato con noi, non ve lo diremo mai abbastanza: GRAZIE!) per realizzare dei materiali che possano essere utili per chiunque voglia conoscere un po’ meglio la nostra città. Ma cosa abbiamo fatto fino ad ora?

Nel 2015-16 abbiamo iniziato a immaginare con i bambini la loro città ideale. Proposte concrete e fantasia ci hanno portato a pensare a un piano regolatore e a costruire un modellino di una Belluno a misura di bambino.

Nel 2016-17, in occasione dell’apertura del nuovo museo a Palazzo Fulcis, ci siamo concentrati su questo edificio della città. Abbiamo prima capito quanto è importante il museo, quali sono i suoi compiti e quante persone ci lavorano, per poi creare una guida per famiglie per visitarlo divertendosi con spiegazioni, giochi e attività.

La Belluno che vorrei 2017-18: 3 progetti per la città

Quest’anno invece, proseguendo il nostro lavoro sulla città, abbiamo lavorato su 3 diversi aspetti:

  1. Il museo visto e raccontato dai ragazzi della 2^ B delle scuole medie Ricci.
  2. Le piazze della città ripensate e ri-progettate dai bambini delle classi quarte.
  3. La Belluno leggendaria per scoprire alcuni luoghi importanti della città accompagnati dalle leggende inventate dai bambini delle classi terze.

Come abbiamo lavorato

Ciascun progetto si è articolato in 3 incontri, unendo parti pratiche, alle visite ai luoghi da raccontare (piazze, museo, luoghi delle leggende), agli incontri in classe.

Per ogni progetto abbiamo preparato materiali di approfondimento su cui le insegnanti hanno poi potuto lavorare in autonomia. Insomma, assieme ai bambini, ai ragazzi, alle maestre e alle professoresse, abbiamo lavorato sodo, ma ci siamo anche divertiti! Abbiamo visto i 3 progetti che pian piano prendevano forma e si concretizzavano nella mappa delle leggende, nei progetti e nei modellini delle piazze e nel giornalino che racconta il museo visto dai ragazzi.

I materiali per voi!

 

Prima di lasciarvi i link ai diversi materiali che abbiamo realizzato in questi anni, un grande grazie al Comune che ci ha permesso di portare avanti La Belluno che vorrei, in particolar modo all’assessore Valentina Tomasi e a Federica Carlot, e un grandissimo grazie a tutte le classi che hanno partecipato e lavorato assieme a noi!

Valentina, Paola, Marta

No Comments

Post a Comment