Come diventare esploratore del mondo - Tada Lab
998
post-template-default,single,single-post,postid-998,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

Come diventare esploratore del mondo

Una delle tante belle cose che l’arte ci regala è darci la possibilità di guardare (o riguardare) la realtà con occhi diversi, per scoprirne aspetti insoliti o sui quali non ci siamo mai soffermati e per stupirci delle piccole cose. E il nuovo libro della TadaBiblioteca, ‘Come diventare un esploratore del mondo’ di Keri Smith ci aiuta proprio a fare questo esercizio di riscoperta. Consigliato per i bambini, ma anche per gli adulti!

keri-smith-esploratore-mondo-tadabiblioteca

Cinquantanove esplorazioni, anzi missioni segrete, che porteranno i bambini a osservare, disegnare, assemblare, scrivere, raccogliere oggetti… Sono attività anche molto semplici che trasmettono però un approccio curioso e attento al mondo che ci circonda e che possono far comprendere una fase importante della ricerca artistica.

Per le varie missioni da superare l’autrice, Keri Smith, si ispira ad artisti, scrittori, designer che trovate citati nella bibliografia:

“Nessuna delle idee presenti in questo libro è nuova. Molte sono state rubacchiate, prese in prestito, adattate o sgraffignate da grandi pensatori e artisti della nostra epoca … “

Fin dalle prime pagine i bambini verranno coinvolti dal tono complice dell’autrice che li invita ad una missione esclusiva e segreta rivolta solo a persone curiose. Il libro diventa uno strumento nelle mani dei piccoli esploratori:

“Dovresti pensare a questo libro come alla tua valigia metaforica. Un posto per raccogliere e documentare le tue scoperte. In che modo osservi il mondo? Questo libro è anche un museo. Un museo tutto tuo che conterrà la tua personale e unica visione della realtà”

Dopo un elenco di una serie di altri oggetti, oltre al libro e a una matita, che potrebbero essere utili, ma
esploratore_del_mondo-2che non sono indispensabili, qualche altro consiglio sul metodo di lavoro e si parte con le esplorazioni. Da dove? Semplicemente dal luogo dove si è seduti in quel momento per osservare, prendendo spunto da L. Wittgenstein, come gli aspetti più importanti delle cose ci risultano spesso nascosti perché semplici o troppo familiari:

Esplorazione #1
Scrivi dieci cose sul luogo in cui sei seduto che non hai notato quando ti sei seduto. Usa i tuoi sensi. Fallo velocemente. Non censurarti. Bene, parti.

Scorrendo le missioni troverete moltissime citazioni di pensatori e riferimenti alle opere di artisti e trovo che alcune delle esplorazioni possano diventare degli ottimi esercizi di creatività anche per i non-più-bambini!
Giusto per darvi un’idea: l’esplorazione #7 ad esempio si concentra sulla raccolta e catalogazione dei colori, la #13 propone di collezionare caratteri tipografici , la #20 di annotare i pensieri più placidi della settimana, la #41 invita a documentare le facce nascoste e la #57 a fare ‘esperimenti di pensiero’ come faceva Einstein.

Perché ci piace:

  • Perché le attività proposte sono molto semplici, ma diventano uno stimolo, per i bambini ma anche per noi adulti, per immaginare, per prendere matita e foglio e scrivere, disegnare, e allenare il pensiero e la creatività
  • Perché trasformarsi in esploratori e avere missioni segrete da compiere piace a tutti i bambini
  • Perché è un bel regalo per bambini curiosi, ma anche un auto-regalo utile ‘allenamento’ della creatività
  • Perchè ha molti spunti per insegnanti e operatori per laboratori e attività

Potete acquistare ‘Come diventare un esploratore del mondo’ su Amazon e se vi incuriosisce visitate anche il blog di Keri Smith, altra miniera di idee!

 

Nella TadaBiblioteca ci sono anche:

No Comments

Post a Comment