Una scatola...di ricordi - Tada Lab
1315
post-template-default,single,single-post,postid-1315,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

Una scatola…di ricordi

Come l’artista Joseph Cornell costruiamo una scatola per racchiudere i ricordi dell’estate.

Rieccomi, dopo la pausa estiva ritorno finalmente a scrivere! In realtà per me non è stata una pausa, ma un periodo intenso di laboratori, nuovi progetti, idee, esperienze. Mesi ricchi che sono volati, giornate che sono diventate ricordi senza che nemmeno me ne accorgessi e ieri ho voluto concedermi un po’ di tempo per riordinare le foto, gli oggetti e i pensieri di quest’estate.
Mentre lo facevo ho ripensato ai lavori di un artista che mi piacciono molto, le ‘scatole’ di Joseph Cornell, che possono diventare un ottimo spunto per un bel lavoro con i bambini sulla memoria e sui ricordi, sulla realtà che li circonda da rielaborare e reinventare.

Joseph Cornell

(1903-1972) raccoglieva, in vecchie scatole di legno chiuse da un vetro trasparente, frammenti della realtà che lo circondava: oggetti quotidiani, fotografie, stoffe, materiali che assemblava per formare le sue composizioni, mini collezioni e ritratti quasi magici della realtà che lo circondava.

Segui la bacheca: Joseph Cornell on Pinterest.


E con la scuola alle porte e la nostalgia per la bella stagione che già si fa sentire, proviamo a racchiudere un po’ d’estate per i prossimi mesi costruendo un piccolo scrigno dei ricordi ispirato alle ‘Boxes’ di Joseph Cornell.
L’associazione Cornell-bambini non è casuale, era l’artista stesso a dire che i più piccoli erano il suo pubblico più entusiasta e ricettivo

They were filled with the innocence needed to see

E’ uno sguardo bambino quello che guida le sue creazioni, che gli permette di viaggiare con l’immaginazione mentre realizza le sue scatole e di trasformare oggetti quotidiani in qualcosa di magico.

Al lavoro:

Potete mostrare ai bambini alcuni dei lavori dell’artista -nel sito del Moma ad esempio potete trovarne una ricca collezione-  e divertirvi a cercare i più strani e curiosi o a immaginare le storie che si nascondono dietro agli oggetti. Potete raccontargli di come le sue scatole siano nate inizialmente per far divertire il fratello malato Robert e di come ogni giorno Cornell raccogliesse fotografie, pezzi di giornale, giocattoli, specchi, biglietti…per costruire la sua personalissima collezione.

Vi basteranno poi una scatola e tutti gli oggetti che hanno raccolto i bambini durante tutte le loro avventure estive: sassolini, conchiglie, disegni, piccoli giochi, cartoline, biglietti di treni, di aerei..e la scatola dei ricordi è fatta!

N.B. L’attività è più che consigliata anche ai grandi! Anch’io ho provato a realizzare la mia, ricordi di una giornata veneziana, di mare, montagna, letture e laboratori.. Potete inviare le foto delle vostre scatole dei ricordi che verranno poi pubblicate qui su incontralarte.

Processed with VSCOcam with m5 preset

(La mia scatola ispirata a Cornell)

 

Per approfondire:

  • Breve biografia e opere conservate alla collezione Guggenheim di Venezia
  • Approfondimento sull’artista e le sue opere nel sito The Art Story 
  • Libro per bambini Mr Cornell’s Dream Boxes
  • Di Joseph Cornell e di alcuni dei suo lavori parla anche il romanzo ‘La moglie dell’uomo che viaggiava nel tempo’ di Audrey Niffenegger

(Articolo inizialmente pubblicato su Incontralarte)

No Comments

Post a Comment