Inseguendo Degas - Tada Lab
1038
post-template-default,single,single-post,postid-1038,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

Inseguendo Degas

Il libro di Eva Montanari dedicato al pittore francese

Il libro di Eva Montanari, edito da Kite Edizioni, piacerà sicuramente alle bambine che amano la danza, ma non solo a loro! Un racconto nel racconto che ci porta a inseguire il grande artista Edgar Degas per le vie di Parigi e a immergerci nell’atmosfera dei quadri impressionisti…

 

La storia comincia con una bambina che segue annoiata una lezione di danza: conosce ormai i passi alla perfezione e così si distrae immaginando come le starà il tutù nuovo che indosserà al saggio. Apre lo zaino per rivedere il bel tutù…ma scopre che al suo posto ci sono tanti tubetti di colore che capisce subito appartenere al pittore che durante le prove osservava le ballerine e le disegnava nel suo quaderno. Parte così l’inseguimento per le vie di Parigi che porta la bambina a incontrare i grandi artisti dell’epoca: Père Tanguy, Mary Cassat, Monet, Renoir, Caillebotte …

classe_danza

La protagonista del racconto, come avrete capito, non è una bambina comune, ma è una delle danzatrici ritratte da Degas nel celebre dipinto ‘Classe di Danza’: è la ballerina che annoiata si gratta la schiena. Eva Montanari ne riprende i capelli raccolti, il tutù e il grande fiocco giallo.
Se osservate bene, potrete riconoscere nell’illustrazione del libro anche l’altra ballerina, dai capelli rossi e con il fiocco verde, dipinta in primo piano accanto a lei nel quadro. L’illustratrice la disegna intenta ad osservarsi nello specchio in fondo alla stanza.
Eva Montanari, in questa come nelle altre tavole, si ispira ai dipinti degli artisti impressionisti, riprendendo personaggi e ambientazioni e immaginando però sempre scene che accadono un attimo prima o una attimo dopo rispetto ai quadri. L’illustratrice racconta di aver realizzato i primi studi per il libro proprio al Museo d’Orsay e di aver scelto di utilizzare nelle sue tavole sia i pastelli che i gessetti che il colore ad olio, per restituire diverse sensazioni:

caillebotte

“Avevo visto i suoi (di Degas) pastelli al Musée d’Orsay
e di pastelli, gessetti, fusaggine mi sono munita.
Dalle basi colorate dei cartoncini sono emerse le prime forme. Avrei desiderati che quelle figure restassero così, colte nel oro abbozzo e nel procinto di svelarci qualcosa… ma per lasciare entrare anche il lettore in una Parigi a tutto tondo , in cui le luci e le ombre avessero il giusto peso e la necessaria tridimensionalità, in alcune tavole, ho aggiunto la pastosità del colore ad olio” (Testo tratto dai pannelli della mostra “Le immagini della Fantasia” Sarmede, 2010)

E sfogliando le pagine di questo libro ci troviamo davvero catapultati nella Parigi di fine Ottocento, immersi ad esempio nel quadro di Gustave Caillebotte ‘Parigi in un giorno di pioggia’– osservate alle spalle della bambina la coppia sotto l’ombrello e l’inconfondibile ambientazione architettonica. O ancora, seguendo la piccola ballerina, possiamo incontrare Monet alla finestra del suo studio intento a dipingere o vedere proprio Caillebotte mentre fa un primo bozzetto del celebre quadro…
Un albo illustrato che nasce da uno studio attento sui quadri che però non vengono semplicemente copiati, ma filtrati dalla fantasia dell’autrice. Leggendolo con i bambini possiamo così, a mio avviso, raggiungere un duplice obiettivo: avvicinarli e appassionarli ai dipinti degli artisti e mostrare loro come l’arte possa essere un ottimo pretesto per liberare l’immaginazione. Possiamo giocare a ritrovare personaggi e ambientazioni dei dipinti nelle tavole illustrate, o provare anche noi a immaginare, a partire da un quadro, che cos’è accaduto un attimo prima o un attimo dopo della scena ritratta!

Eva Montanari, Inseguendo Degas, Kite Edizioni

 

(Articolo inizialmente pubblicato su Incontralarte)

No Comments

Post a Comment